Parco dei Fontanili e dei Boschi

Parco dei fontanili e dei boschi

Il Parco dei Fontanili e dei Boschi è un PLIS istituito nel 1993 su proposta di un consorzio formato dai comuni di Lurano e Pognano (la particolare orografia di Pognano e Lurano infatti ha determinato una cospicua presenza di fontanili che, con le loro aste, andavano ad alimentare i canali che attraversano i due comuni); scopo del PLIS è la salvaguardia e la valorizzazione dei numerosi fontanili e lembi di bosco presenti in una fascia di territorio precisamente perimetrata che si estende in entrambi i comuni.

Il Parco è costituito da un’ ampia area alla quale si può accedere da diversi punti del territorio, sia in comune di Lurano che in comune di Pognano; all’interno del Parco vi sono tre zone: la zona di riserva, nella quale si trovano gli ambiti di maggiore pregio ambientale; l’area agricola di rispetto, ubicata in prossimità della zona di riserva; e l’area agricola di tutela, che comprende una porzione di terreni agricoli sottoposti a vincolo.

All’interno del parco nell’area di riserva sono presenti dieci fontanili tra i quali si citano il Preosta, il Rampazzone (da cui si diparte il Rio Rampazzone che, dopo aver attraversato il comune di Lurano, si dirige a sud fino a giungere in prossimità del Fosso Bergamasco. Intorno al fontanile in particolare è stata realizzata un’area di interesse ambientale che offre anche un piacevole punto di sosta: una scaletta in legno permette l’accesso diretto al fontanile, dal quale scaturisce acqua limpida ad una temperatura costante nella maggior parte dell’anno), il Centotubi, il San Giuseppe e il Fontane Noe: ai diversi fontanili si può giungere percorrendo una serie di stradine in terra battuta con andamento naturalistico, che si snodano tra il mormorio dell’acqua e il verde degli alberi, testimonianza dei boschi che un tempo si estendevano in questa parte di pianura.

Tra gli alberi e gli arbusti presenti nel parco si citano la farnia, l’ontano nero, l’acero di monte, il pioppo nero, l’acero campestre, il carpino bianco, il frassino, il nocciolo, il sambuco, la sanguinella, l’olmo campestre; ricca anche la flora nemoralem (da nemus cioè “bosco”) presente nei boschetti, dove si può trovare la pervinca, l’anemone dei boschi, l’aglio orsino, ed il campanellino di Primavera.  Il Parco è corredato da punti di sosta con panche e tavoli e da un’adeguata segnaletica.

Al Parco è possibile accedere da diversi punti, ubicati sia in comuni di Lurano che in comune di Pognano che lungo la strada che collega Lurano con Pognano. Da Lurano l’accesso è possibile da un sentiero che si riparte da via dei Boschi e si snoda prima nella zona agricola e quindi tra i boschi e i fontanili; da Pognano ci si può addentrare nel Parco partendo dalla ex cascina San Giuseppe, dove si viene accolti immediatamente da una ricca vegetazione a bosco.