Il Fosso Bergamasco

Il Fosso Bergamasco

Il Fosso Bergamasco era un canale artificiale realizzato per scopi politici e strategici nel 1627. Il canale attraversava tutta la pianura bergamasca con andamento da est verso ovest: la zona a sud-ovest del Fosso nel territorio della Bassa Bergamasca Occidentale è chiamata Geradadda (la Geradadda, separata dal resto della provincia di Bergamo, ha sempre seguito le sorti politiche del Ducato di Milano, tranne per brevi periodi in cui fu sottoposta al dominio della Repubblica di Venezia (dal 1420 al 1452 e nei primi anni del XVI secolo).

Il Fosso all’epoca del suo scavo venne circondato da strutture difensive come il Castello di Lurano e il Castello di Pagazzano che sono ancora oggi visibili e visitabili. Altre strutture sono invece cadute in rovina o adibite ad altre funzioni. 

A partire dalla metà del secolo XIX la funzione di confine decade e così il Fosso venne abbandonato: attualmente è riconoscibile solo per brevi tratti ma il suo tracciato è ricostruibile attraverso il cartelli segnaletici posti lungo la ciclovia realizzata per valorizzare la memoria storica di questa importate opera.