Castel Cerreto

Castel Cerreto

è una delle frazioni del Comune di Treviglio caratterizzata dalla presenze di grandi corti rustiche e si estende a nord del centro cittadino. 

La sua storia è molto antica: il nome compare per la prima volta in documenti del XIV secolo quando in zona era presente una struttura fortificata di proprietà della Famiglia Rozzone, ma si presuppone che la zona fosse abitata sin dai primi secoli dopo Cristo. 

Su tre lati il Serìt (Cerreto in dialetto) è circondato dalla roggia Moschetta a nord che si divide in roggia Di Sopra e roggia Visconti e dalla roggia Vignola che prosegue il suo corso verso Treviglio: queste rogge furono realizzate nel XIV secolo.

Nel secolo XIX i terreni del Cerreto divennero proprietà della famiglia Piazzoni che contribuirà allo sviluppo della frazione sia in termini insediativi che socio-culturali. La Contessa Emilia Woyna Piazzoni, ultima erede della famiglia, lasciò i possedimenti cerretani all’Orfanotrofio di Bergamo a cui subentrerà l’Ente Istituti Educativi di Bergamo, oggi proprietari di buona parte della frazione. 

La frazione è circondata da ambiti naturalistici di pregio come il Bosco del Castagno e la Valle del Lupo; caratteristico è l’ingresso al centro dove si giunge percorrendo tre rettilinei alberati al termine dei quali è ben visibile il palazzetto padronale e la torretta. Accanto al palazzetto sorge la Chiesa dei Santi Gerolamo e Francesco. 

Castel Cerreto è collegato a Treviglio anche attraverso una rete di piste ciclopedonali che permette piacevoli gite fuori porta in bicicletta.

Per approfondimenti e curiosità sulla interessante storia cerretana vi suggeriamo di visitare il sito di Castel Cerreto.