Le Chiese lungo il Fosso Bergamasco

  • immacolata-pognano

  • boltiere-chiesa

  • arcene-chiesa-1

  • 800px-pontirolo_nuovo1-1

  • 450px-ciserano1-1

  • autarena-fara

  • s_anna_big

Scheda riassuntiva

mappa
  • Tema: Arte e religione
  • Mezzi: Automobile e bicicletta
  • Partenza: Fara Gera D'Adda
  • Arrivo: Pontirolo Nuovo

Lungo i Comuni limitrofi all’antico tracciato del Fosso Bergamasco che collegava i fiumi Adda, Serio e Oglio si possono scorgere numerose chiese parrocchiali e cappelle campestri edificate in diversi periodi e ascrivibili a diversi stili ma tutte ugualmente ricche di decorazioni e di opere di importanti artisti lombardi.

FARA GERA D’ADDA

CHIESA PARROCCHIALE

Dedicata a Sant’Alessandro, è stata edificata alla fine del XVIII. La facciata presenta forme ascrivibili sia allo stile neoclassico che allo stile tardo barocco. L’interno dell’edificio è composto in forme neoclassico ed è arricchito con affreschi e decorazioni risalenti al settecento e novecento.

BASILICA AUTARENA

Dell’antica Basilica Autarena, realizzata nel secolo VI dal Re longobardo Autari, oggi permane solo la zona absidale che presenta un paramento murario in mattoni. Situata nel centro storico di Fara Gera d’Adda, è stata successivamente inglobata nell’oratorio di Santa Felicita.

CANONICA D’ADDA

CHIESA PARROCCHIALE

L’attuale chiesa parrocchiale è dedicata a San Giovanni Evangelista e risale al 1755 quando l’edificio precedente (che la tradizione vuole fondato dalla regina Teodolinda nel VI secolo) venne demolito. La facciata, in stile neoclassico, è caratterizzata dalla presenza di semi pilastri corinzi e da una cornice marcapiano. L’interno è decorato con alcuni affreschi e da statue collocate in nicchie. La pala dell’ altare raffigura la “Crocifissione di Gesù”. L’ organo è un opera di particolare pregio realizzato nel 1869/70 che conserva ancora alcune canne recuperate dall’organo del 1804/05.

CHIESA DI SANTA MARIA IN PRATO DETTA DI SANT’ANNA

Piccolo edificio ad aula unica preceduto da un ampio porticato e coronato da un campaniletto a vela, situato in prossimità dell’Adda. L’edificio risale al 1662 ed è stato successivamente restaurato nel XIX secolo.

BOLTIERE

CHIESA PARROCCHIALE

La chiesa è stata realizzata nel 1830, ed è dedicata a San Giorgio. In chiaro stile neoclassico, è a pianta quadrata e al centro dell’edificio si erge il tamburo sul quale svetta l’ampia cupola, simbolo di Boltiere nel territorio. La facciata presenta sei colonne sormontate da un timpano triangolare al centro del quale campeggia una croce. All’interno fra le opere d’arte sono da menzionare la seicentesca tribuna linea e le tele del XVII e XVIII secolo. in prossimità dell’abside si erge il campanile. Accanto alla chiesa parrocchiale si trova la piccola chiesa della Madonna di Lourdes realizzata da una confraternita e restaurata nel XX secolo.

CISERANO

CHIESA PARROCCHIALE

Dedicata a San Marco Evangelista e Martino Vescovo di Tours. L’attuale edificio, già esistente nel secolo XVI, venne completamente rifatto nel 1754. La facciata è stata restaurata nel 1965, anno in cui fu realizzato il portale in rame che raffigura le figure di San Marco e di San Giuliano. L’interno è affrescato con opere di Giuseppe Riva e conserva pregevoli tele tra cui un’ opera attribuita a Gian Paolo Olmo. La chiesa ospita al proprio interno dal reliquia del corpo di San Giuliano. In corrispondenza della zona absidale sorge il campanile, inaugurato nel 1664 e restaurato nel 1891: la cuspide ottagonale venne aggiunta solo nel 1965

CHIESA DI SANTA MARIA IN SAN MARCO

La chiesa ha origini medievali, è stata realizzata nel corso del XVII secolo. La facciata è preceduta da un portico sorretto da colonne e l’interno ospita diverse tele pregevoli.

POGNANO

CHIESA PARROCCHIALE

Dedicata a San Carlo Borromeo, è stata realizzata in stile neogotico nel 1910. Tra le opere d’arte presenti all’interno si segnalano i dipinti di Gian Battista Galizzi e il dipinto del XVII secolo attribuito al Salmeggia e raffigurante la Madonna fra i Santi Carlo e Antonio Abate.

CHIESA DELL’IMMACOLATA

Già chiesa di San Carlo e Sant’Antonio è stata sede parrocchiale dal 1790 al 1910. L’edificio in stile neoclassico venne completamente rifatto alla fine del XVIII secolo. In essa sono conservati affreschi di Antonio Sibella, eseguiti nel 1883.

ARCENE

CHIESA PARROCCHIALE

La prima pietra dell’attuale chiesa venne posata nel 1780 dopo che la primitiva venne demolita definitivamente nel XVII secolo. Situata in piazza San Michele, il suo ingresso è affiancato da due nicchie con un arco sporgente sorretto da due colonne in ordine corinzio e al secondo livello è presente un ampia finestra quadrangolare. La facciata è coronata da un timpano triangolare su cui spiccano due statue di angeli. L’interno della Chiesa è decorato con stucchi in stile neo-classico (opera di Poloni, Locatelli, Spinedi), inoltre sono conservate diverse opere d’arte tra cui si citano: la pala d’altare raffigurante la Lotta di San Michele; la Medaglia del presbiterio e i quadroni collocati lungo la navata; l’altare dedicato alla Madonna.

SANTUARIO DELLA MADONNINA DEL PIANTO

Il Santuario è un edificio in stile neogotico realizzato nella seconda metà del XIX secolo su progetto dell’ architetto Ponzetti. La sua storia è legata a un episodio avvenuto il 5 aprile 1864: nella corte rustica annessa all’area dove attualmente sorge il Santuario era dipinta un’immagine della Vergine Addolorata con Cristo morto in grembo; la mattina del 5 aprile l’immagine cominciò a trasudare così le donne chiamarono il parroco che proclamò il Miracolo. Dal quel momento la cascina divenne meta di pellegrinaggi e in seguito fu decisa la costruzione del Santuario.

PONTIROLO NUOVO

CHIESA PARROCCHIALE

È dedicata a San Michele Arcangelo. Eretta fra il 1828 e il 1831, il suo interno è reso particolarmente solenne dalla regolare scansione delle colonne che creano un peribolo di effetto scenografico, inoltre vi sono conservati quadroni dipinti a fresco, alcune tele risalenti al XVII e XVIII, diverse sculture in legno e alcuni arredi sacri come il crocefisso in avorio. Si segnalano inoltre la Chiesa di San Giuseppe, realizzata nel XVIII, due edicole votive (una rappresentante la Madonna delle Lacrime di Treviglio e una Sant’Antonio Abate), l’oratorio di San Cassiano e la cappella dei Santi Faustino e Giovita nella campagna.